Che cos’è l’ansia da separazione?

Che cos’è l’ansia da separazione?

In un precedente articolo ho parlato di ansia da separazione riferendomi al distacco dalle abitudini familiari che l’inserimento a scuola o il ritorno tra i banchi comporta per il piccolo e per la famiglia.

Anche i bambini possono provare ansia?

Ansia da separazione - psicologo

Si! L’ansia è un’esperienza universale e senza età, che può avere o meno carattere transitorio e si differenzia dalla paura per l’oggettività del pericolo.
La paura, infatti, è una reazione di timore verso una situazione pericolosa oppure inoffensiva ma temuta. Un bimbo può reagire in un modo o nell’altro in base alla sua età. In tal caso si può rassicurarlo sul fatto che tali paure sono normali.

L’ansia,invece, è una eccessiva reazione alle possibili conseguenze di un evento piuttosto che all’evento in sé.

Tale distinzione tra ansia e paura però non è sempre applicabile ai bambini perché a causa del loro sviluppo cognitivo ancora incompleto, trovano più difficile distinguere il reale dall’immaginario. La semplice presenza di uno stato di apprensione non è certamente paragonabile all’impatto che uno stato di ansia più persistente può avere sull’adattamento e sul comportamento del bambino.

Ansia da separazione: come riconoscerla

Come già dice la parola si tratta di un’ansia eccessiva, inadeguata al livello di sviluppo del bambino, che si manifestata quando si deve separare da qualcuno della famiglia a cui è profondamente attaccato (di solito la figura materna). Può comparire già durante la scuola materna e comunque manifestarsi prima dei 18 anni, per essere definita tale.
Chi è più piccolo e ha questo tipo di ansia di solito si comporta normalmente finché è in presenza del genitore ma diventa molto ansioso quando si separa o percepisce un’imminente separazione. In tal caso può esprimere paure irrealistiche riguardo al verificarsi di eventi catastrofici che possono separarlo per sempre dai genitori. (Verranno rapiti? Si ammaleranno?). Può avere paura che vadano via e non ritornino.

Di solito i bambini che ne soffrono

  • evitano di rimanere soli anche per pochi minuti;
  • rifiutano di dormire da soli, hanno paura del buio, presentano disturbi del sonno e fanno frequenti incubi sulla separazione dai familiari;
  • possono manifestare riluttanza nell’andare a scuola o a giocare spensierati con gli amici senza la presenza di una figura a cui sono legati;
  • anche se è presente il genitore, possono interrompere di continuo i giochi per accertarsi che non se ne sia andato;
  • diventano “un’ombra” del genitore, seguendolo dappertutto;
  • e se si trovano senza mamma o papà o in procinto di una separazione, accusano sintomi fisici (mal di testa, di pancia, nausea), non parlano, hanno attacchi di collera e pianti disperati;
  • lontani da casa, tendono ad essere tristi, chiedono in continuazione di telefonare e implorano di essere riportati a casa;
  • vivono difficoltà scolastiche, sociali e nel funzionamento individuale;
  • in genere sperimentano una sofferenza eccessiva, ricorrente prima, durante o immediatamente dopo la separazione da una persona emotivamente importante.

Come riconoscere l'ansia da separazioneMolte manifestazioni di ansia riscontrabili nei bambini sono tipiche in certe età e ciò non significa che si manifestino in tutti i bambini. In ogni caso l’ansia da separazione è una componente dello sviluppo del bambino che si verifica normalmente tra gli 8 mesi e può durare fino ai 2 anni, ovvero nell’età in cui il piccolo ha imparato a riconoscere chi si occupa di lui ma non ha ancora compreso del tutto il concetto che se questa persona si allontana per un certo periodo di tempo, in realtà non se ne è andata via per sempre. In genere tende a ridursi progressivamente dal terzo anno.

Dunque, meno appropriata all’età è l’ansia da separazione che si manifesta in bambini più grandicelli (dai 3 anni in poi) o in adolescenti, dove si può comunque verificare, sebbene con comportamenti differenti.

Se noti che tuo figlio presenta dei comportamenti in linea con i punti sopra indicati e la paura di allontanarsi da casa o dai genitori gli procura stress o disagi di tipo scolastico, sociale che durano più di un mese, una valutazione più approfondita può aiutare lui e la tua famiglia a capirne di più e a risolvere eventuali disagi che altrimenti possono presentarsi in futuro in forme diverse. Per info e appuntamenti puoi usare il modulo in basso o chiamare il numero 089 0977768:

Il tuo nome

La tua email (richiesto)

Telefono

Il tuo messaggio


Autorizzo il trattamento dei miei dati personali, ai sensi del D.lgs. 196 del 30 giugno 2003 (note legali)

 

No Comments

Sorry, the comment form is closed at this time.

WhatsApp Chiedi una consulenza con WhatsApp!